CulturalMente 

La fattoria degli animali di George Orwell

“La fattoria degli animali” di George Orwell, è un libro che ho riletto volentieri dopo mille anni e che, penso, sarebbe bello leggessero tutti i ragazzi delle scuole superiori. È incredibile, infatti, come possa ancora apparire attuale, sebbene sia una delle più celebri opere del secolo scorso.

“La fattoria degli animali” non è altro che un’acuta satira contro il totalitarismo e credo possa insegnare molto a tutti noi, adulti e adolescenti.

Per lo meno, sono certa che, attraverso la grande saggezza di questa storia, ognuno di noi possa accrescere il proprio giudizio critico e riflettere riguardo alla società in cui viviamo, a ciò che sta diventando o è già diventata.

La quarta di copertina di questo libro spettacolare recita queste parole: “Stanchi dei soprusi, gli animali di una fattoria decidono di ribellarsi agli umani e, cacciato il proprietario, danno vita a un nuovo ordine fondato sull’uguaglianza. Ben presto, però, emerge tra loro una nuova classe di burocrati, i maiali, che con astuzia, cupidigia e prepotenza si impongono sugli altri animali”. Fanno già riflettere soltanto queste parole, dico.

Una cosa che mi ha divertita molto e anche una differenza che ho notato rispetto alla prima volta in cui ho letto questo libro, da adolescente, è che ora sono riuscita a dare un volto (o un muso) più o meno a ogni animale. E sì, mi sono venuti i brividi, ché sono sempre più convinta sia meglio, certe storie, lasciarle nei libri.

Related posts

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi