You are here
DigitalMente 

I pericoli della condivisione dei dati

Gli utenti mettono in pericolo i loro dati più preziosi condividendo sia le informazioni personali sia i propri dispositivi con amici o persino sconosciuti. Il report di Kaspersky Lab My Precious Data: Stranger Danger svela le abitudini di condivisione dei dati e dimostra come, chi condivida informazioni e dispositivi, viva una vita digitale molto più complicata di chi non lo faccia, perdendo i propri dati personali e avendo problemi con i propri dispositivi.

Infatti, le persone che condividono i propri dati con gli altri sono più portate ad avere problemi con la propria vita digitale. Ad esempio, quasi metà degli utenti che condivide dati personali online ha sperimentato la perdita dei dati sul proprio smartphone (47%). La probabilità di perdita di dati è, invece, significativamente inferiore tra chi non li condivide: solo il 13% di queste persone ha perso informazioni sul proprio smartphone. I pericoli della condivisione sono ancora più importanti per chi condivide i propri dati con gli sconosciuti: il 59% degli utenti smartphone che hanno condiviso informazioni personali con degli sconosciuti ha, infatti, ammesso di aver perso i propri dati.

Chi condivide i propri preziosi dati digitali ha inoltre riferito di aver avuto diversi problemi con i propri dispositivi. Sugli smartphone, i problemi più comuni sono le pubblicità invadenti (51% rispetto al 25% degli utenti che non condividono i dati), problemi di durata della batteria (41% rispetto al 17%), app attive sul dispositivo senza il loro consenso (19% rispetto al 6%) e infezioni malware (14% rispetto al 4%). Questi dati dimostrano uno stretto legame tra la condivisione e i problemi ai propri dispositivi.

Inoltre, la ricerca mostra simili conseguenze anche per chi lascia i propri dispositivi in mano ad altri, ad esempio prestando il proprio smartphone ad altre persone per un periodo di tempo, lasciando i propri dispositivi sbloccati in un luogo pubblico o dicendo ad altri i propri PIN. Anche questi utenti sono maggiormente portati a subire la perdita dei dati: più della metà (65%) ha infatti sperimentato la perdita di dati sul proprio smartphone, rispetto al 34% di chi non li condivide.

Il report My Precious Data: Stranger Danger si basa su un’indagine online condotta dall’istituto di ricerca Toluna e Kaspersky Lab a gennaio 2017. Il sondaggio ha valutato le abitudini di 16.250 utenti internet di età superiore ai 16 anni in 17 Paesi.

redazione

 

Related posts

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi